Cuoredichina - Cuoredichina

Cuoredichina di Marco Lupoi

RSS Feed

Whom the gods would destroy

184 "A colui che gli dei vogliono distruggere, prima viene data in dono la pazzia"

Un libro come Colui che gli dei vogliono distruggere di Gianluca Morozzi, non può non piacermi. E un'inno a Bologna, alla mia città ai suoi vicoli, alle sue idiosincrasie geografiche, alle sue torri, ai suoi vicoli, ai suoi locali. E' un inno così puro e diretto che mi sono chiesto in che modo lo potranno vivere lettori di Siracusa o Aosta o Sanremo, che le due torri o il Nettuno li hanno visti, semmai, solo in cartolina (o su Flickr, di questi tempi). Ma poco importa, c'è dentro la mia Bologna, proprio la mia, e mi basta.
Ma è soprattutto un inno ai super eroi, una costruzione fantastica che sa di Alan Moore e di universo ABC, ma in fondo di tutto e di qualsiasi universo fumettistico "super" che si rispetti, con un po' di Superman, un po' di Justice League, un po' di Legion of Super Heroes. Ci sono tanti e tali rimandi ai mondi fantastici che conosco (e di cui ho contribuito a dare la voce in questi ultimi 23 anni) che non posso non leggere queste pagine con sommessa devozione, pensando alle generazioni che lo leggeranno e lo apprezzeranno, e alla loro non indifferente intersezione con la mia attività professionale dell'ultimo quarto di secolo.
C'è poi anche tanta musica (di cui sono meno appassionato e meno ferrato) e persino una bellissima scena d'amore sulla spiaggia di Galway (dove sono stato anche io, anch'io innamorato, non proprio con gli stessi risultati finali…).
Un bel libro, che qualsiasi appassionato di supereroi, Bologna o musica dovrebbe leggere, adorare, ridendo spesso a crepapelle.



Commenti

E' da due mesi che ho questo libro in casa, ieri ho finito gli ultimi tre Lansdale e ora sono in pari (ma per poco spero) e tra poco mi butto. Va detto che ho letto quasi tutto Morozzi e sopratutto "L'Era del Porco" mi ha fatto scompisciare (bravissimo autore !!!) per cui so di andare sul sicuro. Ciao M.M.L.